mamma

8 maggio - Festa della Mamma

Grazie Mamma

perché mi hai datofesta mamma
la tenerezza delle tue carezze,
il bacio della buona notte,
il tuo sorriso premuroso,
la dolce tua mano che mi dà sicurezza.
Hai asciugato in segreto le mie lacrime,
hai incoraggiato i miei passi,
hai corretto i miei errori,
hai protetto il mio cammino,
hai educato il mio spirito,
con saggezza e con amore
mi hai introdotto alla vita.
E mentre vegliavi con cura su di me
trovavi il tempo
per i mille lavori di casa.
Tu non hai mai pensato
di chiedere un grazie.
Grazie mamma!

Judith Bond


Nessuno può negare il valore del ruolo materno, dal momento che siamo tutti figli di qualcuno. Fin dalla preistoria si celebrava la "Grande Madre", simbolo di fertilità. Gli antichi Greci, alcuni secoli prima della nascita di Cristo, dedicavano alle loro genitrici un giorno dell'anno, con la festa in onore della dea Rea, madre di tutti gli Dei. Per i Romani tale divinità era Cibele, celebrata nel mese di maggio, con un'intera settimana dedicata anche alla primavera e roseai fiori, detta "Floralia". Nel XVII secolo in Inghilterra comincia a diffondersi la tradizione del Mothering Sunday, che coincide con la quarta domenica di Quaresima. Dolce tipico per la festa era il "Mothering cake", a base di frutta. Tale usanza sembra essersi trasferita nel culto della Madonna, madre di Gesù e celebrata dalla religione cristiana nel mese di maggio.
Negli Stati Uniti, nel 1914, su proposta della signora Anna Jarvis, di Filadelfia, viene istitutita la giornata nazionale della mamma, da tenersi ogni anno la seconda domenica di maggio. Non tutti i paesi del mondo, comunque, festeggiano le mamme nella stessa data e nello stesso modo.
In Norvegia viene celebrata la seconda domenica di Febbraio, in Argentina la seconda di Ottobre; In Francia la festa della mamma cade l'ultima domenica di maggio ed è celebrata come compleanno della famiglia. L'Italia festeggia la mamma la seconda domenica di maggio. La festa è legata anche alle rose, fiori che, più di ogni altro, rappresentano la semplicità e la bellezza. I fiori sono fra i regali più adatti a testimoniare l'affetto e la riconoscenza dei figli, anche se le mamme si accontentano anche solo di una rosa o di un semplice pensiero. Per la scelta dei regali non resta che rimanere sul classico, con profumi, dolci, accessori oppure affidarsi alle proposte che arrivano da Internet.
Nella sua progressiva crescita e maturazione, ogni bambino trova nella propria madre un punto di riferimento a cui chiedere protezione, aiuto, amicizia. Le mamme si alternano fra mammala cura dei figli, le numerose occupazioni domestiche, il lavoro...e nonostante ciò non chiedono mai un ringraziamento. La parola mamma, nome affettuoso che indica chi ci da' alla luce, è simile in tutte le lingue ed evoca un senso di sicurezza e tenerezza.
In Italia, popolo di "mammoni", in cui la maggior parte dei figli abbandona il "nido" solo dopo i 30 anni, la figura della mamma è quasi sacra, soprattutto per i figli maschi. Le mamme si dividono in diverse categorie; ci sono le "mamme-chiocce", che continuano a ripetere ai figli adulti di mettere la maglia di lana, le "mamme-amiche", che per essere trendy parlano e vestono al loro stesso modo e vanno in discoteca e le "mamme-mamme", che lo sono quasi per vocazione. Ultimamente le mamme stanno vivendo una crisi di identità; è sempre più raro che di mamma ce ne sia una sola; ormai la scienza ha superato le barriere della natura, facendo nascere figli in provetta e creando mamme ultrasessantenni.
Nel giorno della festa della mamma è giusto ricordarsi di fare gli auguri anche alle mamme delle mamme e dei babbi (papà).
Buona festa della mamma!